La  guerra  è il fallimento dell’ uomo

Buongiorno Padre Livio,

 voglio solo ringraziarla. Non saprei da dove iniziare vista la piccolezza e debolezza del mio essere umano preda continua del male presente ovunque. Ci provo, per me nella speranza di ricordare quanto male esista per non farmi travolgere. Le sono debitore e naturalmente lo sono nei confronti della nostra Madre, Regina e nostra Signora. Lo sono nei confronti dell’Onnipotente.

Grazie a Lei Padre Livio sto scavando in me stesso, sto riuscendo a dialogare con me stesso. Il dialogo riesco ad intavolarlo grazie alla sua opera che mi illumina. L’uomo e le guerre! La guerra è il fallimento dell’uomo, è offesa a Dio e la vedo come il perenne combattimento tra Dio ed il male. Il potere ovunque sia, qualunque sia il periodo storico avvelena l’uomo che diviene preda del male ma per fortuna c’è Dio, la Madonna ed i Santi. Sto notando, grazie alla predica di un parroco in occasione della festa di S. Antonio da Padova, che viviamo nella debolezza, nell’invidia, nel rancore, altri nell’odio, come in un’escalation continua di sentimenti volti al male che ci accecano.

 Poi basta una predica, ma fatta bene nel senso che ti coinvolge al punto da farti scendere le lagrime per tutto il tempo perso in cose frivole, per ricevere finalmente qualche ora di serenità come se io stessi conoscendo, esplorando parti del mio essere per la prima volta, sbalordendomi, meravigliandomi di quanto tempo è stato buttato via nell’inutilità dalla fragilità umana. La pace che mi fa provare tale serenità è una sensazione talmente bella da volerci restare per sempre.

Sembra come se fossi in una specie di volo leggero e contemporaneamente sento che il cuore, il torace respiri, cioè diventino più grandi come se volessero seguire l’animo in tale situazione di benessere. Tutto ciò che scrivo non è per filosofeggiare ma per ringraziarla e sperare di rimanere saldo e forte nel momento delle prove, semmai dovessi vivere i momenti dei segreti in cui è previsto l’attacco di Satana al mondo cristiano.

Sono un peccatore ma grazie a Lei, la Madonna ed al nostro Signore Gesù ho la speranza. Grazie e scusi se mi sono dilungato.

Salvo da Caltagirone