Il sussurro di una brezza leggera

Ancora buonasera caro Padre e mi perdoni se la disturbo di nuovo, ma questa cosa gliela devo proprio dire…

Ho la fortuna di abitare in collina e ieri pomeriggio sono andata a fare una passeggiata in una stradina di campagna non distante dalla mia abitazione.

È stata davvero una passeggiata ristoratrice per l’anima e per il corpo!

La solitudine, il silenzio, la preghiera, la Natura e una leggera brezza mi hanno fatto compagnia e, quasi come un soffio dello Spirito, mentre l’anima pregava, alla mente affioravano pensieri e mi sentivo in pace.

Questi i pensieri.

Il calendario ci dice che siamo in pieno inverno e ben lo confermano le temperature rigide di questi giorni e la brina che non se va neppure a mezzogiorno; eppure non ho potuto fare a meno di notare che su ogni albero e arbusto che si affacciava sul mio cammino già facevano capolino nuovi germogli e nuove gemme: dalla timida vite al precoce ciliegio e alla tenace quercia che non aveva ancora dismesso del tutto l’abito autunnale, ogni albero faceva mostra della sua volontà di rinascere!

È inverno, ma la primavera non è lontana, anzi è già qui, è già arrivata! 

L’occhio attento ai segni dei tempi sa cogliere anche il più piccolo indizio di cambiamento, perché la speranza rende vigile il suo Cuore.

I segreti stanno per manifestarsi, anzi sono già tra noi, ancora poco, pochissimo, e si paleseranno!

Ma non è stata solo la natura a suggerirmi pensieri…

Quasi al termine di questa stradina, che si disperde poi tra i filari, c’è una cappella che conteneva un bel dipinto blu su piastrelle di ceramica bianca della Madonna di Fatima con i tre pastorelli.

Poco meno di due anni fa la cappella è stata restaurata e il quadretto rimosso; al suo posto sulle pareti sono stati fissati dei pannelli plastificati sui quali è stata stampata una suggestiva immagine della Madonna di Lourdes con tanto di angioletti e di nuvolette.

Ora, vuoi per le escursioni termiche, vuoi per l’umidità, i pannelli si stanno staccando e non tarderanno a crollare del tutto.

Peccato che non abbiano pensato a fissare un dipinto direttamente sulle pareti…

Ecco cosa capita quando la religione è solo una facciata, un rivestimento, ma non è fissata sul muro portante della fede: non dura ed è destinata a crollare!

Ecco ciò che capiterà durante il tempo dei segreti, o forse sta già succedendo, ai “falsi cristiani”: sta per cadere la loro copertura e saranno smascherati.

Mi perdoni se mi sono dilungata, ma ogni parola che le ho scritto è nata durante la mia breve passeggiata ed ho sentito il bisogno di comunicargliela.

Grazie per avermi dato la possibilità di scriverle.

Ave Maria.

Monica di Baldissero.