I sottili inganni satanici

Gentilissimo Padre Livio,

Pace a tutti!

Sono Martina di Dueville (VI).

È la prima volta che scrivo. Innanzitutto voglio ringraziarla per l’ Amore, il Tempo e la Dedizione con cui Lei cura le nostre anime in comunione con il Padre Nostro.

È da poco tempo che seguo Radio Maria, sapevo della sua esistenza, ma ho sempre lasciato scorrere il tempo senza mai sintonizzarmi sulle bellissime frequenze della Regina della Pace. Ora sono felice di esserci anch’io!

Ho avuto una vita tribolata, come tutti, la mia fede si era intiepidita, ma Dio non ha mai smesso di cercarmi, di bussare al mio cuore. Finalmente lo scorso anno, con un forte risveglio spirituale, ho risposto “eccomi” alla Sua chiamata. Mi sono riconciliata con Lui, con me stessa e il prossimo. Sto rinascendo,  sono in cammino, Dio è il mio pastore e mi guida! Non ho più paura, lui è con me.

Se posso, desideravo collegarmi alla lettera sul blog di Isabella di Cremona, alla sua domanda sui sottili inganni satanici.

Per esperienza personale trovo l’inganno satanico sottile molto presente nel momento della preghiera. In particolare durante la recita delle orazioni, graditissime a Dio ( Santo Rosario, Coroncina della Divina Misericordia), preoccupazioni di ogni genere, pensieri quotidiani e sul futuro prendono la mente e allontanano dal cuore la preghiera che diventa veloce e ripetitiva. Senza dubbio è un tranello satanico, a volte però non gli diamo abbastanza importanza. 

Io ho imparato ad accorgermene, allora mi fermo, affido tutto a Gesù e alla Mamma Celeste, la gioia ritorna e con essa la preghiera del cuore.

Spero di aver aiutato anche con il mio piccolo pensiero.

Grazie, Grazie,Grazie, caro Padre Livio

Sia Lodato Gesù e Maria

Martina

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Viviamo un tempo dove  la Verità è diventata relativa.

Ognuno pone la sua opinione personale al posto della ” VERITÀ” o peggio, si pone la opinione collettiva al posto della ” VERITÀ”, che è eterna, immutabile, incorruttibile.

Dimostrando oltre che ad essere stolti,  si è pure ingoranti, cioè non si conosce e non si capisce la vera entità del genere umano; e anche se si ha una cultura di tre quattro lauree si “brancola” nel buio più assoluto.

Si vuol far passare a tutti i costi la stoltezza al posto della sapienza.

Il “Relativismo” domina e ľ uomo ne è  succube al punto da non riuscire a capire quello che fa e che non dovrebbe fare, per il bene suo e per il bene dei suoi figli.

Ci si vanta di cose e di comportamenti per i quali invece  ci si dovrebbe vergognare.

Ľ aborto, ľ adulterio, il gender e tutti i disordini e le perversioni sono diventati cose normali di cui bisogna  vantarsi; il” modernismo” ha preso il posto delľ immoralità di cui

bisogna vergognarsi e arrossire piuttosto che vantarsi e gonfiarsi di orgoglio.

Ľ umanità mi fà pena.

È la considerazione più profonda che riesco a fare, ma la tengo solo per me.

Perchè oltre a essere motivo di scandalo e di ragionamento controcorrente , non sarebbe accettata neanche dai giusti; e sicuramente sarebbe perseguitata e giudicata retrograda e sorpassata.

Emanuele