Preghiera della notte per casi impossibili - Audio - Lode a Te Gesù

Pensiero Spirituale alla luce delle parole della Madonna nel messaggio del 25 Ottobre:

“Chi prega non ha paura del futuro”.

La paura del futuro è certamente aumentata per via della pandemia che ha messo in crisi le certezze che avevamo. Siamo entrati in una fase di ateismo, una fase in cui abbiamo pensato che senza Dio si sta meglio, senza Dio si è più liberi, siamo i padroni del mondo. Invece ci rendiamo conto che non abbiamo in mano né noi stessi, né il presente, né il futuro.

Senza Dio non c’è futuro. Quante volte la Madonna lo ha detto? La Madonna è qui per dirci di ritornare alla preghiera, perché chi prega non ha paura del futuro. Nella preghiera alimentiamo la nostra fede in Dio. Nella preghiera incontriamo Dio, che è amore, libertà, dona la sua pace a ogni creatura.
Dio è provvidenza, bontà, perdono, Dio è onnipotenza! Con la sua onnipotenza Dio può decidere di ascoltare le nostre preghiere che riguardano il futuro dell’uomo, il futuro dei nostri figli, il futuro che vorremmo che è sicuramente un futuro di pace e di prosperità. Come ci ha detto la Madonna, bisogna accogliere il Re della pace.

Ѐ solo con la Preghiera continua, quindi con la comunione continua con Dio, che le nostre paure, le nostre ansietà, il nostro male di vivere (che è il retaggio del peccato originale) pian piano vengono sanate.

Nella preghiera curiamo le paure, le dissolviamo e curiamo le ferite della vita.

Dobbiamo far tornare sulle labbra di questa generazione perduta le preghiere più semplici: «Ti adoro mio Dio, ti amo con tutto il cuore, ti ringrazio per avermi creato, redento, fatto Cristiano». Bisogna ritornare all’Ave Maria, al Padre Nostro, alle invocazioni cristiane più semplici: «Signore Gesù, abbi pietà di me povero peccatore».

Cari amici, dobbiamo ristorare le anime malate che vanno verso la morte spirituale.

Padre Livio:  “La lettura spirituale della cronaca e della storia”