Pensiero Spirituale sulla speranza cristiana

Cari amici,

nel messaggio del 25 novembre la Regina della pace ha detto che Dio è la nostra speranza. Questa affermazione è, allo stesso tempo un’esortazione ma anche una consolazione.

La speranza cristiana, rispetto a quella umana, è ben diversa perché è nutrita dalla stessa certezza della fede. La speranza cristiana è la fede in ciò che accadrà, è la fede in ciò che Dio ci ha rivelato riguardo al futuro, è la fede nel progetto di Dio e nella sua opera di Salvezza.

Per sua natura la speranza cristiana è certa, significa credere fermamente in tutto ciò che Dio ha rivelato riguardo il futuro come la resurrezione della carne e nella gloriosa venuta di Cristo.

La speranza è una delle tre virtù teologali che sono quasi sempre menzionate nei messaggi della Regina della pace: fede, speranza e carità. La speranza è una virtù da coltivare perché acquisisca la certezza e la luminosità della fede.

La speranza nella vita eterna è ciò che sorregge il cammino cristiano. La vita, nella luce della divina rivelazione, è un cammino verso Dio e verso la felicità eterna. La fede in questa mèta della vita si chiama, appunto, speranza.

La Madonna ci dice che Dio è la nostra speranza e lo fa proprio in questo momento storico caratterizzato dalla sua presenza. Forse non ci siamo ancora resi conto del tutto dell’importanza della sua presenza da così tanto tempo, benché ce lo abbia ripetuto più volte.

La Regina della pace instancabilmente ci ha svelato il piano di satana che è quello di distruggere le nostre vite e il pianeta sul quale viviamo e portare le anime nella perdizione eterna. Lei è qui per salvarci.

La Madonna è qui per impedire a satana di portare a compimento il suo piano di distruzione e di morte spirituale. La speranza cristiana è la certezza della salvezza che viene da Dio.

La speranza dei cristiani è proprio nell’intervento di Dio. I miracoli che Dio compie nella Storia, soprattutto a sostegno dei piccoli, di quelli che credono in Lui, sono la manifestazione della Sua onnipotente preghiera e alimentano la speranza dei cristiani.

Dio è Colui che viene in soccorso dei suoi figli, non li abbandona, rovescia i potenti dai troni e innalza gli umili.

La speranza cristiana ha un suo culmine che è la salvezza che viene da Gesù Cristo. Non si tratta di una salvezza solamente storica che riguarda l’umanità e il cammino dell’umanità nella Storia, è una salvezza anche personale, esistenziale. Come umanità e come singoli ci troviamo in una situazione drammatica quando entriamo in questo mondo perché siamo in balìa delle onde minacciose che potrebbero travolgerci da un momento all’altro. Inoltre, siamo soggetti al male, al dolore, alla morte, alle tentazioni. La nostra situazione esistenziale è di grande precarietà, dalla quale l’uomo non potrebbe mai uscire fuori da solo.

Dal mondo non viene nessuna salvezza, le promesse di salvezza che vengono dalle trasformazioni del mondo e dalla natura umana, sono tutte forme nuove di schiavitù.

La vera salvezza viene da Dio. Coltiviamo la speranza cristiana nella certezza che Dio ci ama e ha mandato la Madonna per chiamarci alla conversione e per fermare il piano di satana.

Non perdiamo mai la vera speranza, Dio ci salverà. 

Da “La Lettura cristiana della cronaca e della Storia”